Home page >> Uffici >> Vigilanza
Vigilanza PDF Stampa Email
Il Comune - Uffici
Giovedì 20 Dicembre 2012 10:59

L'uffico svolge le seguenti funzioni:
Viabilità e infortunistica - Vigilanza - Polizia - Commercio - Licenze e autorizzazioni - Fiere e mercati - Randagismo

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini

 

Indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


L'ufficio osserverà i seguenti orari:
dal lunedi' al sabato dalle 8 alle 14

Funzioni

Vigilanza sull’osservanza delle leggi, dei regolamenti e delle altre disposizioni emanate dallo Stato, dalla Regione e dagli Enti Locali, con particolare riferimento alle norme concernenti la polizia urbana e rurale, la circolazione stradale, l’edilizia, l’urbanistica, la tutela ambientale, il commercio, i pubblici esercizi, la vigilanza igienico-sanitaria, la sicurezza sulle strade, ecc.
Compiti di polizia giudiziaria e funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza, ai sensi dell’art. 5 della legge 7 marzo 1986, n. 65
Opera di soccorso nelle pubbliche calamità e disastri, d’intesa con le autorità competenti
Compiti di informazione, di raccolta di notizie, di accertamenti, di rilevazioni ed altri compiti previsti da leggi e regolamenti, richiesti dalle competenti autorità
Servizi d’ordine, di vigilanza, di scorta e di rappresentanza necessari per l’espletamento di attività e compiti istituzionali del Comune
Collaborazione, nei limiti e nelle forme di legge, con le Forze di Polizia e di protezione civile
Vigilanza nelle materie connesse al DPR n. 616/1977 ed al Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS)
Servizi relativi al controllo delle seguenti attività: feste paesane; fiere e mercati; pubblici spettacoli e manifestazioni analoghe; manifestazioni sportive, religiose o politiche
Gestione dei procedimenti sanzionatori amministrativi e penali
Supporto e collaborazione con il Settore competente in materia di Protezione Civile
Collaborazione con i Settori comunali titolari di competenze in materia di traffico e viabilità, ambiente, igiene e sanità, per la tutela della sicurezza e della mobilità dei cittadini
Accertamenti demografici e tributari
Rilascio di pareri tecnici, certificazioni, nulla osta, attestati, ecc., nelle materie di competenza
Rilascio nulla-osta, pareri, altri atti di assenso, comunque denominati, in materia di occupazione di suolo pubblico, di installazione di mezzi pubblicitari, di circolazione stradale, manutenzione e realizzazione segnaletica stradale, sosta negli spazi riservati ai disabili, trasporti eccezionali, ecc.
Proposte ordinanze in materia di circolazione stradale
Redazione perizie e relazioni per pratiche inerenti richieste di risarcimento danni a persone e a cose, a seguito di sinistri verificatisi sulle strade e relative pertinenze
Statistica di competenza del Settore
Autenticazione degli atti conservati nell’ufficio
Adempimenti tecnico-amministrativi connessi al Settore competenza (proposte di deliberazione - determinazioni - atti - provvedimenti - ecc..)
Adozione di tutti i provvedimenti di competenza riservati dalla Legge, dallo Statuto e dai Regolamenti Comunale

COME FARE

VERBALI CODICE DELLA STRADA

Se si riceve la notifica di un verbale di violazione a norme del Codice della Strada, è opportuno verificare la targa del veicolo e la data dell’infrazione:

  • se alla data dell’infrazione non si era più proprietari del veicolo, è necessario darne immediata comunicazione scritta al Comando di P.M. – Ufficio Verbali, allegando copia dell’atto di vendita del veicolo. Il verbale sarà successivamente notificato all’effettivo proprietario;
  • se si ritiene di non aver commesso la violazione contestata, in quanto al momento dell’accertamento ci si trovava altrove con il veicolo, è necessario verificare se il veicolo indicato sul verbale corrisponde a quello di cui si è proprietari (tipo, marca, modello). Se il veicolo non dovesse corrispondere, allora potrebbe essersi verificato un errore nel rilevamento della targa o nell’immissione dei dati nel sistema informatico.  In tal caso potranno essere richiesti chiarimenti presso l’Ufficio Verbali, oppure potrà essere inviata richiesta di archiviazione del verbale allegando copia della carta di circolazione del veicolo di proprietà, dalla quale si evinca che trattasi di veicolo diverso rispetto a quello cui si riferisce il verbale.

PAGAMENTO DELLE SANZIONI PECUNIARIE

I preavvisi di accertamento per infrazioni al divieto di sosta e/o di fermata lasciati dagli Agenti sul parabrezza del veicolo, devono essere pagati entro 5 giorni dalla data riportata sull’avviso medesimo, al fine di evitare la notifica del successivo verbale con conseguente aggravio di costi.

Se il verbale per violazione a norma del Codice della Strada è stato contestato immediatamente al trasgressore oppure è stato successivamente notificato, il pagamento dovrà essere effettuato entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica.

Le sanzioni pecuniarie (MULTE) possono essere pagate con le seguenti modalità:

 

  • pagamento mediante il bollettino di conto corrente postale allegato al verbale, presso uno degli sportelli di Poste Italiane S.p.A. presenti sul territorio nazionale

Qualunque sia la modalità di pagamento scelta, nella causale va sempre indicato il numero del verbale cui si riferisce il pagamento.

Non è ammesso il pagamento delle sanzioni presso gli uffici del Comando di Polizia Municipale.

 

RICORSI

Avverso il preavviso di accertamento (foglietto lasciato sul parabrezza) non è ammesso ricorso. Chi fosse intenzionato a presentare un ricorso, dovrà attendere la notifica del verbale e ricorrere avverso quest’ultimo.

Il ricorso è ammesso:

  • al Prefetto di Teramo nel termine di 60 giorni dalla notificazione o contestazione della violazione. Il ricorso va inviato al Prefetto direttamente o per il tramite del Comando di Polizia Municipale di Tossicia a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento oppure da presentarsi direttamente presso l’Ufficio di Protocollo del Comune.  In caso di accoglimento del ricorso il Prefetto emetterà ordinanza di archiviazione; in caso di mancato accoglimento del ricorso, il Prefetto ingiunzione di pagamento di una somma pari alla metà del massimo edittale (circa il doppio della somma riportata nel verbale) oltre alle spese di procedimento.
  • al Giudice di Pace di Montorio al Vomano nel termine di 30 giorni dalla contestazione o notificazione della violazione o dalla notifica dell’ordinanza di ingiunzione di pagamento emessa dal Prefetto.

N.B. La presentazione di un ricorso non interrompe né sospende i termini per il pagamento.

CARTELLA DI PAGAMENTO

  • Se non si è proceduto al pagamento di una sanzione pecuniaria, oppure la si è pagata parzialmente o in ritardo, si riceverà una cartella di pagamento della somma dovuta con l’aggravio delle spese di procedimento e delle maggiorazioni di legge.
  • Se non ci si ricorda della violazione, si potranno chiedere informazioni presso l’Ufficio Verbali.
  • Se si ritiene vi sia stato un errore, in quanto si era correttamente provveduto nei termini al pagamento della sanzione pecuniaria, potrà essere richiesto l’annullamento della cartella di pagamento compilando l’apposito modello ed allegando la documentazione giustificativa.
  • Se ritiene illegittima la richiesta di pagamento si potrà presentare ricorso anche al Giudice di Pace di Montorio al Vomano, davanti al quale possono essere fatti valere, però, solo vizi attinenti alla cartella di pagamento  ovvero alla notifica del verbale. In altri termini il Giudice non potrà entrare nel merito dell’accertamento, ossia della validità del verbale nel suo contenuto, in quanto il mancato pagamento del verbale per violazione a norme del C.d.S. e la sua mancata impugnazione nei termini, fa sì che il verbale stessi diventi titolo esecutivo.

VERBALI PER VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE DIVERSE

Nel caso in cui si tratti di un verbale per violazione a Regolamenti o Ordinanze Comunali, il pagamento deve essere effettuato nel termine di 60 giorni dalla contestazione o notificazione, con le modalità riportate nel verbale e sopra indicate.

Avverso il verbale è consentito presentare, entro 30 giorni dalla contestazione o notifica del verbale, scritti difensivi e documenti al Sindaco e chiedere di essere sentiti.

Gli scritti difensivi possono essere presentati direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune, ovvero spediti con raccomandata A.R.

Se il verbale riguarda la violazione di altre norme, occorre seguire le indicazioni riportate sul verbale stesso.

N.B. La presentazione di un ricorso non interrompe né sospende i termini per il pagamento.

 

Vuoi sapere quanti punti hai sulla tua patente di guida?

Puoi controllare in tempo reale lo stato della tua patente presso l'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, attraverso il Portale dell'Automobilista, il portale di servizi di e-government del Dipartimento Trasporti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  www.ilportaledellautomobilista.it.

Su questo portale il Ministero dei Trasportii ha attivato il servizio online di verifica del saldo dei punti sulla propria patente di guida: occorre semplicemente iscriversi al sito seguendo le istruzioni presenti sulla home page.

E' possibile utilizzare anche l'utenza telefonica 848782782, ma attenzione non è un numero verde. La telefonata può essere effettuata solo da apparecchio fisso ed ha il costo di una chiamata urbana secondo le tariffe del proprio gestore del telefonico.

Una voce pre-registrata chiederà di digitare sulla tastiera del telefono il numero la patente (senza le lettere) e la data di nascita del titolare della stessa. Seguirà la risposta.

Come si recupera il punteggio

La mancanza di decurtazioni dei punti, per il periodo di due anni consecutivi, determina la nuova attribuzione del completo punteggio iniziale. Per i titolari di patente che per almeno due anni hanno mantenuto 20 punti è previsto l'accreditamento di 2 punti fino a raggiungere il tetto massimo complessivo di 30 punti.

Dal 13 agosto 2010 per i patentati da meno di tre anni è stato introdotto un ulteriore meccanismo premiale: nel caso non vengano commesse violazioni che prevedono decurtazione di punti verrà attribuito sul loro titolo di guida un punto ogni anno, fino ad un massimo di tre.

Il punteggio perso può essere recuperato frequentando anche dei corsi specifici , con obbligo di esame finale, presso le autoscuole o presso gli altri soggetti autorizzati dal Ministero dei Trasporti.

 

Nuovo Contrassegno di Parcheggio europeo

 
Valid XHTMLValid CSS
next